Ma cosa significa monopattino elettrico omologato? Il codice stradale in Italia prevede che i monopattini elettrici siano considerati in tutto e per tutto come mezzi di trasporto. Pertanto, non possono circolare se non sono omologati e provvisti di regolare targa, assicurazione e libretto di circolazione. Inoltre, si dovrà provvedere al pagamento del bollo e, durante la guida, è obbligatorio indossare il casco.

Monopattino elettrico omologato: cosa significa?

Negli ultimi anni, la sempre maggiore volontà di tornare a uno stile di vita sano e al rispetto per l’ambiente ha reso sempre più richiesto il monopattino come mezzo di trasporto alternativo alla bicicletta. Quando si sceglie di acquistare questo particolare dispositivo, tuttavia, è necessario ricordare che deve attenersi a una serie di normative stradali. Per questo motivo è fondamentale puntare esclusivamente sull’acquisto di un monopattino elettrico omologato oppure procedere in maniera autonoma all’omologazione.

Questi obblighi sono da considerarsi esclusivamente per quei modelli che dispongono di un motore in grado di superare i 6 km/h. Modelli elettrici con motori meno potenti che non permettono il raggiungimento di queste velocità sono invece esonerati dall’omologazione, venendo considerati degli acceleratori e non dei veri e propri mezzi di trasporto. Va comunque evidenziato che la maggior parte dei monopattini elettrici omologati oggi in commercio presenta una velocità media di 20 km/h circa.

Considerando quanto prevede la normativa vigente, oggi quasi tutti i monopattini elettrici sono già venduti provvisti di omologazione. Acquistare un monopattino elettrico omologato significa quindi comprare un mezzo di trasporto che dispone di una serie di elementi tecnici che sono riportati sul libretto di circolazione. Tali elementi sono relativi alle specifiche tecniche del motore o della carrozzeria, nonché alle dimensioni, al numero di ruote o altro. L’omologazione prevede l’assegnazione di una targa, ossia un codice alfa-numerico che permette il riconoscimento immediato del monopattino durante eventuali controlli.

L'importanza dell'omologazione

Proprio come accade per le automobili, per le moto o gli scooter, la mancata omologazione del monopattino elettrico non permette la circolazione sulle strade pubbliche. Si potrà tuttavia usare il mezzo se ci si limita alle aree private. Il monopattino elettrico omologato può invece circolare ovunque, ma deve sempre rispettare il codice della strada. Se viene fermato mentre circola su suolo pubblico senza omologazione o mentre compie un infrazione stradale è soggetto a sanzioni e, in casi gravi, al sequestro del veicolo.

Scegliere un monopattino elettrico omologato permette anche di ottenere una serie di vantaggi. Per prima cosa, quindi, il monopattino elettrico ha pieno accesso a tutte le zone a traffico limitato e può circolare liberamente i giorni in cui sono previsti stop alla circolazione per motivi legati all’inquinamento.

Infine, non vanno dimenticati due aspetti economici molto importanti. Il primo è che, considerando gli incentivi per mezzi ecologici, le assicurazioni dei monopattino sono molto vantaggiose; il secondo è che ricaricare completamente la batteria ha costi molto bassi, sicuramente molto più convenienti rispetto a qualsiasi pieno di serbatoio a benzina.

Xiaomi monopattino elettrico omologato

Ninebot by Sagway ES2 monopattino omologato

La normativa di riferimento per i monopattini elettrici

Come è stato evidenziato, i monopattini elettrici devono seguire la normativa vigente per poter essere considerati in regola. Questa è la Direttiva 2002/24 CE che definisce nello specifico proprio le modalità di omologazione dei mezzi di trasporto a due e tre ruote. Per quanto riguarda il monopattino elettrico, la direttiva specifica che oltre all’immatricolazione, che ne definisce l’omologazione, è obbligatorio che il mezzo disponga di un assicurazione e che il conducente, oltre a indossare il casco sia in possesso di regolare patente di guida B o almeno di patentino per mezzi e motocicli da 50 cc.

L’omologazione del monopattino non significa che il mezzo è semplicemente immatricolato, ma anche che dispone di una serie di specifiche tecniche obbligatorie per la circolazione: si pensi ad esempio ai fari per la circolazione notturna.

Considerando tutti questi aspetti, è importante assicurarsi, al momento dell’acqusito, che il monopattino sia già omologato o, almeno omologabile. Esistono infatti in commercio anche mezzi non omologabili, in quanto non dotati di quelle caratteristiche di base necessarie per poter procedere all’omologazione. Un monopattino elettrico omologato, o omologabile, è infatti dotato di componenti realizzati con materiali certificati, in grado di garantire la massima sicurezza durante l’uso. Nello specifico, è necessario che i componenti come le luci, i freni, il cavalletto siano realizzati a norma di legge. Inoltre, naturalmente, anche il motore deve rispettare una serie di requisiti e specifiche tecniche come da normativa vigente.

Per avere la sicurezza di scegliere un monopattino elettrico omologato è necessario assicurarsi che l’azienda di produzione sia certificata, ossia abilitata alla realizzazione e vendita di questo tipo di veicoli. Per questo si consiglia sempre di acquistare monopattini di brand noti, in grado di assicurare una serie di garanzie sul mezzo.

Monopattino elettrico omologato: estetica, funzioni e design

Se è vero che l’acquisto di un monopattino elettrico deve essere effettuato tenendo conto delle specifiche tecniche e della regolare omologazione, è altrettanto vero che l’aspetto estetico è molto importante e spesso rappresenta un importante elemento di discriminazione tra un modello e un altro.

Per prima cosa, bisognerà valutare le dimensioni e il peso. Non tutti i modelli, infatti, sono uguali in quanto sono progettati per soddisfare differenti caratteristiche fisiche: persone più minute potranno quindi preferire un monopattino più leggero e dimensioni compatte mentre un proprietario più alto avrà maggiore comodità nello scegliere un modello di dimensioni maggiori. Quando si parla di dimensioni non si devono prendere in considerazione solo l’altezza e la lunghezza del mezzo, ma soprattutto quelle della pedana per l’appoggio dei piedi, che può essere più o meno larga a seconda dei modelli di monopattino.

Un altro elemento da valutare è il manubrio. Questo viene solitamente realizzato in modo da garantire la massima ergonomia e, allo stesso tempo un’elevata facilità di guida. Tramite le leve e i pulsanti sul manubrio è infatti possibile frenare o accelerare e, inoltre, la maneggevolezza del manubrio è fondamentale per poter guidare in maniera facile e senza difficoltà.

Infine, non bisogna dimenticare che la praticità di guida è data anche dalla presenza e facilità d’uso delle diverse funzioni, come il pulsante per l’accensione dei fari, la spia per la valutazione dello stato della batteria o la presenza di un piccolo clacson.

A parità di funzioni si potrà infine preferire un modello a un altro anche per una differente scelta dei colori.

Per concludere

Scegliere un monopattino elettrico omologato potrebbe richiedere un certo tempo. Prima di procedere all’acquisto, infatti, è sempre consigliabile effettuare una valutazione attenta di quelle che sono le proprie esigenze e come i diversi modelli presenti sul mercato siano in grado di soddisfare le proprie necessità.

Potrebbe interessarti anche: Monopattino elettrico per bambini